Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

2024 – CONTRIBUTI A ENTI E ASSOCIAZIONI PER CORSI DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO RIVOLTI A DOCENTI DI LINGUA ITALIANA NELLE SCUOLE LOCALI

Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale eroga contributi finalizzati all’organizzazione di corsi di formazione e aggiornamento destinati ai docenti di lingua italiana operanti nelle scuole locali.

Tali contributi sono finalizzati alla promozione della lingua e della cultura italiana nelle istituzioni scolastiche straniere – NON UNIVERSITARIE – attraverso l’erogazione di corsi di formazione e aggiornamento rivolti a docenti locali di lingua italiana. Le assegnazioni avverranno in base ai criteri stabiliti con Decreto Direttoriale 01 marzo 2024, n. 0319 disponibile al seguente link: https://www.esteri.it/MAE/it/trasparenza_comunicazioni_legali/sovvenzioni_contributi_sussidi_vantaggi_economici/criterimodalita/criteri-e-modalita.html

 

CONTRIBUTI E CRITERI DI ASSEGNAZIONE

I contributi di cui sopra vengono concessi a scuole straniere e paritarie, enti gestori/promotori, associazioni di scuole e associazioni senza scopo di lucro, regolati dal diritto locale e operanti nel territorio di competenza di ciascuna circoscrizione consolare, dietro presentazione di apposita richiesta, secondo le indicazioni riportate di seguito. Essi possono essere destinati alla realizzazione di corsi di formazione e aggiornamento, come espresso nell’Art. 1 del citato D.D. 0319/2024. Laddove l’utenza sia mista, cioè preveda tra i fruitori del corso sia docenti che prestano servizio nelle scuole sia docenti universitari, si potrà considerare la richiesta solo se i frequentatori del corso provengano prevalentemente dalle scuole. Si fa presente che sarà necessario un numero minimo di 10 partecipanti ai corsi proposti affinché si possa beneficiare di un contributo.

Le spese ammissibili sono elencate nell’Art. 5 del D.D. 0319/2024. Il soggetto richiedente dovrà quindi quantificare le spese ammissibili che è in grado di sostenere autonomamente
e inviare una descrizione dettagliata del progetto. Poiché la quota di compartecipazione sostenuta dal soggetto richiedente deve valere sul totale delle sole spese ammissibili, non
sarà necessario riportare nel prospetto finanziario spese che non ricadono tra quelle elencate nell’Art. 5.1. Potranno essere accolte richieste di partecipazione a corsi di aggiornamento in Italia o che si tengano al di fuori del Paese di servizio, laddove ciò possa favorire anche uno scambio tra le varie componenti del sistema della formazione italiana nel mondo.

ISTRUZIONI PER LA RICHIESTA

Le richieste di concessione di contributo, come previsto dall’Art. 6 del D.D. 0319/2024, dovranno comprendere la documentazione seguente:

– LETTERA DEL SOGGETTO RICHIEDENTE redatta su carta intestata del soggetto richiedente e dovrà contenere la motivazione circostanziata della richiesta.

MODULO DI RICHIESTA (All. D) da compilarsi utilizzando unicamente il formulario D che deve essere riempito in tutte le sue parti. Si ricorda che le attività dovranno prendere avvio nell’anno 2024 e concludersi nei tempi previsti dall’Art. 4.3 del D.D. 0319/2024.

MODULO DI RELAZIONE FINALE SULL’ULTIMO CONTRIBUTO RICEVUTO (All. D2) coloro che hanno già beneficiato di contributi dovranno allegare il relativo formulario di rendicontazione dell’ultimo contributo fruito, secondo l’All. D2 fornito in allegato. La presentazione del suddetto formulario di rendicontazione, oltre a essere condizione per la concessione e la liquidazione del contributo richiesto per l’anno scolastico in corso, costituisce comunque un adempimento obbligatorio cui tutti i soggetti che hanno ricevuto contributi devono provvedere anche qualora non abbiano reiterato la richiesta per il presente esercizio finanziario.

I soggetti richiedenti dovranno utilizzare esclusivamente i formulari allegati. I formulari dovranno essere compilati digitalmente senza apportare alcuna modifica al testo. Ai moduli debitamente compilati andranno, inoltre, apposte la firma del responsabile del soggetto richiedente, la data e il timbro.

Gli interessati dovranno inviare la richiesta a questo Istituto, che si occuperà di trasmetterla all’Ambasciata d’Italia a Varsavia, entro e non oltre il 1 aprile 2024.